Lorenzo Spezia: Il pipistrello e il sole.

355

Lorenzo Spezia, Il pipistrello e il sole.

Il leone verde, Torino, 2008.

Nella notte, cattura minuscoli invisibili insetti, come se il buio per lui non avesse segreti. Gli antichi, che non potevano conoscere il sistema ad ultrasuoni donato dalla natura al pipistrello, pensavano che avesse occhi sensibilissimi per la visione notturna ma inutili di giorno, ciechi all’eccesso di splendore della luce del sole. Gli stessi antichi, dalla mente pronta a interpretare il simbolo della natura, pensavano che anche all’uomo fosse toccata la sorte del pipistrello: una sensibilità adattata alla notte del mondo materiale, ma cieca nei confronti del mondo spirituale, che ne è la luce. Per Tommaso d’Aquino la felicità degli uomini consiste proprio nell’entrare in rapporto con il mondo spirituale.

CONDIVIDI