domenica, aprile 22, 2018

La sede di Verona

Durante un periodo in cui fratel Francesco Guidorizzi, direttore dell’abbazia di Maguzzano, si trova a Roma, un suo confratello del Don Calabria gli predice che avrebbe incontrato delle persone che all’apparenza non gli avrebbero ispirato nessuna fiducia, ma sarebbero diventate molto importanti per la sua crescita. Dopo qualche tempo conosce i Ricostruttori e quindi padre Gian Vittorio Cappelletto.

Nel 1986 il Padre tiene tre corsi di meditazione a Maguzzano a cui partecipa Maddalena Arteggiani, una veronese che conosce fratel Francesco. Terminati i corsi, gli incontri settimanali si tengono “ai morti della selva”, una chiesetta sconsacrata nelle campagne di Lonato dedicata ai lebbrosi miracolati del 1600. in seguito si organizzano le prime conferenze a Verona sulla “storia delle religioni. Hanno molto successo ma l’avvio dei corsi di meditazione è difficile e per farci conoscere, Maddalena divulga un articolo uscito sul ” Messaggero di Sant’Antonio” in cui c’è un intervista a padre Roberto Rondanina e la descrizione del movimento dei Ricostruttori.

Siamo nel 1997, le poche persone che meditano a Verona s’incontrano dapprima dalle suore Orsoline e in seguito dalle suore della Sacra Famiglia.

Nel 2000 ad un incontro promosso da un Padre camilliano per i volontari AVVO ( Associazione Volontari Visitatori Ospedalieri ), avente lo scopo di formare un gruppo di preghiera per gli ammalati, Maddalena fa conoscere il movimento dei Ricostruttori ad alcune volontarie che erano alla ricerca della meditazione. Dopo aver frequentato il corso alla cascina di S. Vigilio di Lonato, diocesi di Verona, organizzano un corso di meditazione a Verona utilizzando una sala di una circoscrizione comunale. Il corso ha un discreto successo.

In seguito si prendono in affitto delle stanze alla casa della non violenza e poi, visto che le persone aumentavano, nel 2002 viene acquistato il devadatta di via Scarabello, dopo una serie di coincidenze e incontri provvidenziali.

Nel 2003 il vescovo Flavio Carraio invita padre Cappelletto, che già conosceva, ad iniziare un’attività di apostolato per i lontani nella periferia di Verona. La Provvidenza ci indica una casa nelle campagne di Bovolone. Inizia l’attività della comunità costituita da sei monaci di cui 4 studenti di teologia. Il loro arrivo consolida e sviluppa l’attività del gruppo e si organizzano nuove conferenze e un corso di meditazione nel devadatta di via Scarabello.

Per i successivi 3 anni il gruppo si evolve e cresce. Nasce la necessità di avvicinare gli studenti al seminario della città e di avere un devadatta più grande.

Dopo varie ricerche, viene trovata finalmente la casa immaginata da padre John. È una casa ben servita nelle comunicazioni, vicino sia all’autostrada,che all’aereoporto che alla stazione, con un ampio parcheggio.

Anche il successore di Padre Flavio Carraro, Mons. S. E. Giuseppe Zenti, riconosce e accoglie in diocesi il gruppo e il suo carisma offrendo l’incardinazione a due dei seminaristi: Fabrizio Sandrini e Stefano Breda. Fabrizio viene consacrato sacerdote il 15-05-2010 mentre Stefano Breda riceverà l’ordinazione il 19 maggio 2012.

I corsi e le attività proseguono con successo e attualmente il gruppo di Verona può contare su circa una trentina di persone assidue nella pratica della meditazione.

A partire dall’autunno del 2000 si è presentata l’occasione di organizzare alcune conferenze nella città di Verona e successivamente i corsi di meditazione profonda. Nel 2001 si è provveduto all’acquisto di una piccola sede in città per i ritrovi del gruppo di preghiera che si ritrova settimanalmente.

—————————————————————————————

Nel corso dell’anno si svolgono conferenze propedeutiche, attività culturali, corsi di meditazione profonda e incontro settimanale.

Contatti

INDIRIZZO

Tel. 045-6902225 – 338-2322498

Ultimi eventi

Scopri tutti gli eventi di questa sede

Non ci sono eventi

Ultime news

Scopri tutte le ultime notizie di questa sede