Guidalberto Bormolini: LA BARBA DI ARONNE

1054

Guidalberto Bormolini: LA BARBA DI ARONNE

I capelli lunghi e la barba nella vita religiosa

LIBRERIA EDITRICE FIORENTINA

Sin dall’antichità l’usanza di lasciarsi crescere la barba e portare i capelli lunghi o acconciati in modi particolari aveva significati strettamente collegati al sacro. Non tagliarsi la barba rappresentava il segno esteriore di una precisa scelta di vita. La barba più celebre della Bibbia è sicuramente quella del sacerdote Aronne: i versi del Salmo, che parlano dell’unguento prezioso che scivola sulla sua barba e cola fino all’orlo della veste, sono ripresi in innumerevoli preghiere medievali di benedizione e consacrazione .

Ma più significativo per noi è il volto del Maestro divino: tutti conosciamo l’immagine, impressa in modo straordinario sulla Sindone, del volto di Gesù ornato da una folta barba…

CONDIVIDI